giovedì 25 maggio 2017

Un controllo più severo sui prodotti che vengono utilizzati negli istituti scolastici grazie al programma 'Frutta nelle scuole'


Un controllo più severo sui prodotti che vengono utilizzati negli istituti scolastici grazie al programma 'Frutta nelle scuole' per evitare il verificarsi di episodi spiacevoli che possono compromettere la salute dei bambini, degli insegnanti e di tutti gli operatori scolastici. 

E' quanto ha chiesto con una interrogazione parlamentare il deputato di Alternativa popolare Nino MINARDO al Ministro per le politiche agricole e forestali in merito ai risultati del progetto nato per favorire il consumo di frutta e verdura da parte di bambini in età scolare dai 6 agli 11 anni. "Il programma europeo però - sottolinea Nino MINARDO -, ha dato risultati contraddittori. In particolare si lamenta da parte delle famiglie e delle scuole una scarsa attenzione alla qualità dei prodotti forniti, frutta fuori stagione, evidentemente conservata o proveniente dall'estero, di scarsa qualità, o addirittura a pezzi in vaschette e sacchetti di plastica con aggiunta di conservanti. Tra l'altro in molte città d'Italia, compresa la provincia di Ragusa, pare che alcuni bambini ed insegnanti abbiano avuto problemi di salute, anche intossicazioni, legati probabilmente ai prodotti che sono stati mangiati nelle scuole. Le preoccupazioni delle famiglie, ma anche dei dirigenti scolastici e degli insegnanti sono parecchie e ampiamente documentate da numerosi articoli di stampa e lettere aperte di genitori sul web e sui social", "bisogna tutelare la salute pubblica ed in particolare dei bambini visto che il programma è rivolto a loro. Bisogna, inoltre, rivedere il sistema delle gare di appalto per le forniture, che dovrebbe essere a livello regionale concentrando l'attenzione soprattutto sui prodotti locali di qualità che possono essere utilizzati con maggiori controlli. Le incongruenze riscontrate nel programma, tra l'altro, contraddicono quanto previsto dal progetto europeo stesso, ovvero che nella scelta dei prodotti frutticoli si sarebbero dovuti privilegiare prodotti di qualità certificati (D.O.P., I.G.P., Biologici) e/o prodotti ottenuti con metodi di produzione integrata certificata comprovandone la loro origine di prodotto comunitario al 100%. Nella scelta del prodotto si sarebbe dovuto tenere conto del carattere di stagionalità; finalità importanti che nella maggior parte dei casi non sono state rispettate".

Nessun commento:

Posta un commento