Mercoledì, 06 Febbraio 2019 - 16:05

Divieto di iscrizione contemporanea a due percorsi universitari. Gli studenti italiani discriminati.

Il divieto di iscrizione contemporanea a diverse università, a diverse facoltà o scuole della stessa università e a diversi corsi di laurea o diploma della stessa facoltà o scuola, è una discriminazione tutta italiana a cui occorre porre fine.

Tale limite scaturisce da una legge grottesca che ci portiamo dietro dai tempi della Monarchia, il decreto risalente al 1933 (testo unico delle leggi sull'istruzione superiore, di cui al regio decreto n. 1592 del 1933) e rivela tutta l’arretratezza del sistema universitario italiano che appare bloccato rispetto a quello di altri Paesi dell’Unione europea. 

La tematica è stata oggetto di diverse iniziative parlamentari nel corso degli anni e l’ultimo tentativo risale al 2012 quando l’allora Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Francesco Profumo, aveva iniziato a lavorare alla riforma di questo vecchio decreto rimasta bloccata nel cambio tra un governo e l’altro e caduta poi nel dimenticatoio. 

La mia proposta di legge è quella di cancellare il divieto di iscrizione contemporanea a due percorsi universitari perché simbolo di forte discriminazione degli studenti italiani rispetto ai loro colleghi della stragrande maggioranza degli altri paesi. 

Lo Stato deve favorire l'interdisciplinarità e l’accesso a benefici fiscali per chi intraprende due percorsi di studi insieme a garanzia del diritto allo studio e del libero accesso al sapere.

#andiamoavanti #dirittoallostudio#liberoaccessoalsapere #universitaitaliana#pertuttinino

 
 
 
 

Parla con me

Nome e cognome(*)
Inserire nome e cognome

La tua email(*)
Inserire email

Oggetto(*)
Inserire l'oggetto della richiesta

Messaggio(*)
Inserire un messaggio

ReCaptcha
Verifica antispam obbligatoria

Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
relativamente al punto 1.1 (Obbligatorio)(*)
E' obbligatorio prestare il consenso per inviare il messaggio

relativamente al punto 1.2 (Non obbligatorio)
Valore non valido