Martedì, 26 Febbraio 2019 - 15:49

Criticità nei pronto soccorso; affidiamo la gestione dei codici bianchi ai medici di famiglia.

Affianchiamo i medici di famiglia ai medici e al personale sanitario che operano nei pronto soccorso per superare il grave problema delle sale d’attesa e della conseguente condizione di stress nella quale si trovano inevitabilmente il personale medico e sanitario che lavorano nei reparti di emergenza.

L’idea è quella di estendere a tutto il territorio nazionale quanto già attuato dalla Regione Piemonte, ovvero ricorrere al supporto dei medici di medicina generale.

In questi anni è andato sempre più aumentando il numero di pazienti che si rivolge al Pronto soccorso, spesso in maniera impropria, con la conseguenza che soprattutto in determinati giorni della settimana o in alcune fasce orarie giornaliere, i tempi di attesa, per i casi considerati meno urgenti, possono essere anche di molte ore.

Tutto questo contribuisce a far sì che il sistema Pronto Soccorso, così come è attualmente, è soprattutto un luogo dove far confluire la domanda di salute insoddisfatta, dove vicariare le inefficienze di un sistema di assistenza territoriale non in grado di fare filtro. Questo è uno dei motivi per i quali molti cittadini si rivolgono ai pronto soccorso, anche se non presentano condizioni di criticità, tanto che, una volta sottoposti a triage, vengono classificati come codici bianchi.

Per questo ritengo sia un’ottima azione quella di stilare degli accordi con i sindacati dei medici di medicina generale, per l’attivazione di un “ambulatorio delle non urgenze” che dovrà affiancare i Pronto Soccorso dei principali ospedali, per farsi carico di quei pazienti non gravi (i c.d. codici bianchi) che “intasano” in modo inappropriato i reparti di urgenza. L’affiancamento dei medici di famiglia è certamente una buona soluzione, un  progetto assistenziale che ha come unico obiettivo il miglioramento della qualità delle cure che assicurerebbe un’ordinata assistenza all’interno dei Pronto Soccorso dei nostri ospedali.

Parla con me

Nome e cognome(*)
Inserire nome e cognome

La tua email(*)
Inserire email

Oggetto(*)
Inserire l'oggetto della richiesta

Messaggio(*)
Inserire un messaggio

ReCaptcha
Verifica antispam obbligatoria

Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
relativamente al punto 1.1 (Obbligatorio)(*)
E' obbligatorio prestare il consenso per inviare il messaggio

relativamente al punto 1.2 (Non obbligatorio)
Valore non valido