Giovedì, 22 Ottobre 2020 - 16:50

Responsabilità ai sindaci? Mancano le basi: risorse, mezzi, linee guida

“La responsabilità data ai sindaci dal DPCM del 18 ottobre è inattuabile soprattutto perché il Governo non ha tenuto conto delle esigenze locali. La correzione il giorno dopo, dove sostanzialmente si parla di concertazione con le prefetture cambia poco la situazione in quanto il decreto comunque affida ai primi cittadini un carico di responsabilità che da soli non possono gestire.

Sono d’accordo sul fatto che i sindaci vengano delegati per la tutela della salute pubblica ma prima devono essere dotati dei mezzi e di tutte le informazioni e le linee guida per gestire l’emergenza.

Le decisioni di chiudere strade e piazze in presenza di assembramenti di concerto con i prefetti in sede di comitato per l’ordine e sicurezza pubblica, non avrà efficacia, come invece dichiarato dal   Ministro dell’Interno Lamorgese in sede di question time alla Camera, perché appunto mancano dati, informazioni, forze dell’ ordine, strumenti adeguati alla richiesta e soprattutto risorse.

I primi cittadini di tutta Italia, privati delle entrate non potranno mai affrontare anche questo compito: devono aiutare le imprese e le famiglie; il periodo di lockdown ha dimezzato le entrate per gli enti locali che hanno dovuto, come giusto che sia, ridurre tasse e tributi locali.

Poche entrate ma le uscite devono essere sostenute ugualmente: trasporto pubblico, l’illuminazione, la raccolta dei rifiuti, ecc. Soldi che non bastano con il rischio di non poter fornire servizi ai cittadini.

E’ fondamentale iniziare proprio dalle risorse economiche con apposito decreto legge che preveda anche la possibilità di dotare gli enti locali dei mezzi opportuni affinchè attivino in modo idoneo e congruo le misure previste dal DPCM a tutela della salute pubblica”.

Parla con me

Nome e cognome(*)
Inserire nome e cognome

La tua email(*)
Inserire email

Oggetto(*)
Inserire l'oggetto della richiesta

Messaggio(*)
Inserire un messaggio

ReCaptcha
Verifica antispam obbligatoria

Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
relativamente al punto 1.1 (Obbligatorio)(*)
E' obbligatorio prestare il consenso per inviare il messaggio

relativamente al punto 1.2 (Non obbligatorio)
Valore non valido