Martedì, 23 Febbraio 2021 - 10:48

Pace Fiscale; "Io sto con Salvini"

Ora che il nuovo governo nazionale è pienamente operativo ci sono delle questioni di natura economica, finanziaria e politica a cui il presidente Draghi è tenuto a rispondere per meritarsi la fiducia della Lega.

Durante il suo discorso in Parlamento Draghi ha fatto cenno alla necessità di ridurre la pressione fiscale ma non vi è stato alcun riferimento alla ripresa dell’attività della Riscossione dal 1° marzo: gli effetti del decreto n. 7/2021 terminano infatti il 28 febbraio.

Il nostro leader, Matteo Salvini, è l’unico che finora ha sollevato il problema con decisione.

Condivido in pieno la sua proposta di pace fiscale sulle cartelle che verranno inviate dal 1° marzo e di saldo e stralcio per gli atti sotto i 1.000 euro degli anni passati. Qui non si tratta di fare un regalo agli evasori o ai “furbetti delle tasse” bensì, semplicemente e correttamente, di aiutare le imprese e i contribuenti in una situazione economica precaria dopo i mesi di crisi legata alle restrizioni per il covid19. Ci sono milioni e milioni di atti (cartelle esattoriali e avvisi dell’Agenzia delle Entrate) in partenza tra una settimana, sono frutto della sospensione delle notifiche durante l’emergenza sanitaria.

L’emergenza sanitaria però è ancora in corso e soprattutto la moltitudine di italiani che non hanno potuto pagare finora non possono pagare nemmeno a marzo: non mi risulta che abbiano fatto una “pesca miracolosa” o vinto al superenalotto per cui siano in condizione di poter pagare tra 7 giorni.

E anche un’altra breve proroga sposterebbe in là il problema senza risolverlo. In Sicilia poi la crisi ha colpito in maniera pesantissima centinaia di migliaia di piccoli imprenditori e partite iva per cui una nuova cartella anche di qualche centinaia di euro potrebbe significare la disperazione e il collasso.

E allora mettiamoci davvero nei panni dei soggetti e delle categorie più colpite da questo anno funesto, troviamo il modo di alleggerire e sanare il loro arretrato con il fisco e guardiamo alle prospettive di crescita con il “Recovery Plan” che, se attuato bene, nel breve periodo consentirà anche di fronteggiare i mancati introiti della “pace fiscale”. Personalmente ricevo tantissimi solleciti a spingere il nuovo governo nazionale in questa direzione; pieno sostegno dunque a Matteo Salvini e a questa battaglia politica che la Lega ha deciso di intraprendere.

Parla con me

Nome e cognome(*)
Inserire nome e cognome

La tua email(*)
Inserire email

Oggetto(*)
Inserire l'oggetto della richiesta

Messaggio(*)
Inserire un messaggio

ReCaptcha
Verifica antispam obbligatoria

Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
Presa visione dell'informativa sulla privacy, in merito al trattamento dei dati personali, consultabile a questo link:
relativamente al punto 1.1 (Obbligatorio)(*)
E' obbligatorio prestare il consenso per inviare il messaggio

relativamente al punto 1.2 (Non obbligatorio)
Valore non valido